Febbraio 6, 2023

Lo scrittore Borges Coelho spera che il premio Oceans lo porti a un maggior numero di lettori

3 min read

Lo scrittore mozambicano João Paulo Borges Coelho ha sottolineato oggi il suo secondo posto al premio letterario Oceans 2022 come un modo per raggiungere un maggior numero di lettori, dopo l’annuncio dei premi – che è stato fatto per la prima volta in Mozambico.

“Il valore che vedo è soprattutto la visibilità che dà e la possibilità di raggiungere più lettori, che è la seconda parte della letteratura, che completa la scrittura”, ha detto a Lusa lo storico che ha dato corpo a “Museo della Rivoluzione”, dove diversi personaggi provenienti da luoghi diversi convergono sul Mozambico, un romanzo pubblicato nel 2021.

“Il libro non ha un tema, sono temi che si concatenano l’uno con l’altro”, affrontando la storia del Paese, le sue connessioni con altre geografie e identità.

Non si aspettava di vincere, ha detto, perché la letteratura “non è qualcosa che può essere paragonata in termini oggettivi” e perché nel Premio Oceani 2022 – a cui concorrevano 2.452 titoli – “la latitudine è grande” per quanto riguarda gli stili e c’è una successione di giurie fino alla finale.

“Non è una cosa che ci si aspetta oggettivamente che accada”, ha detto, nello stesso anfiteatro del Centro culturale Brasile-Mozambico dove il premio è stato annunciato quest’anno.

L’opera si è classificata seconda in un’edizione in cui la giuria ha scelto al primo posto il libro di cronache “Líbano Labirinto” della scrittrice e giornalista portoghese Alexandra Lucas Coelho e, al terzo posto, “O som do roido da onça”, romanzo della brasiliana Micheliny Verunschk, che rievoca la storia di due bambini indigeni rapiti in Brasile nel XIX secolo, vincitore del Premio Jabuti di quest’anno nella categoria Romanzo letterario.

Isabel Lucas, giornalista e curatrice del premio, ha sottolineato la scelta di Maputo come “uno stimolo per gli editori, gli scrittori e anche per coloro che hanno il potere di facilitare le politiche di circolazione dei libri e degli autori in questa lingua”.

“È molto difficile che i libri circolino tra i diversi Paesi di lingua portoghese”, ha detto, esemplificando con il fatto che la maggior parte dei libri finalisti del premio “sono pubblicati in un solo Paese”.

Il Mozambico è un caso paradigmatico, ha sottolineato.

“Quando arrivo qui e parlo con diversi editori che mi dicono che chi vende 200 libri in Mozambico è un best-seller, questo ci dà un’idea delle difficoltà nel far circolare i libri”, ha detto Isabel Lucas.

In questo contesto, il Premio Oceans rappresenta “più di un premio” e vuole essere “una conversazione affinché la lingua portoghese sia meno strana nei Paesi in cui viene scritta e realizzata”.

È stata una coincidenza, ha detto, che ci fosse un autore premiato nello stesso Paese dell’annuncio, insieme a un programma culturale e a conversazioni tra autori: un percorso che l’organizzazione spera di ripetere in altri Paesi nelle prossime edizioni.

A Maputo, Borges Coelho sta già preparando un’altra opera, in un “lavoro continuo, ogni giorno”, ha detto a Lusa.

“Ho un altro progetto che potrebbe apparire nel corso del prossimo anno”, ha aggiunto, senza però fornire dettagli: “Non è che voglia nasconderlo, ma non mi è ancora molto chiaro come sarà”.

Alla giuria finale del Premio Oceani 2022, che ha letto e valutato i 10 libri finalisti per scegliere i tre vincitori, hanno partecipato i professori, scrittori, saggisti, curatori, critici e giornalisti Cristhiano Aguiar, Guilherme Gontijo Flores, Joselia Aguiar e Júlia de Carvalho Hansen, dal Brasile, il mozambicano Artur Bernardo Minzo e le portoghesi Ana Cristina Leonardo e Helena Vasconcelos.

Il valore totale del premio è di 250.000 real (circa 45.300 euro al cambio attuale), di cui 120.000 real (21.800 euro) andranno al primo classificato, 80.000 al secondo (14.500 euro) e 50.000 al terzo (novemila euro).

Il Premio Oceanos si svolge attraverso la Legge di Incentivazione della Cultura, a cura della Segreteria Speciale della Cultura del Ministero del Turismo brasiliano, ed è sponsorizzato dal Banco Itaú e dalla Direzione Generale del Libro, degli Archivi e delle Biblioteche della Repubblica Portoghese, oltre che da Itaú Cultural, dal Ministero della Cultura e delle Industrie Creative di Capo Verde e dal Fondo Bibliografico della Lingua Portoghese, oltre che dal sostegno istituzionale della Comunità dei Paesi di Lingua Portoghese (CPLP).