Febbraio 6, 2023

Attacco razzista a Parigi

1 min read

Lo stato di salute dell’indagato “non è compatibile con la misura della custodia”, afferma la procura di Parigi

Il 69enne sospetto è stato visitato da un medico nel tardo pomeriggio. È stato portato nell’infermeria psichiatrica della Questura e sarà presentato a un giudice istruttore quando le sue condizioni di salute lo permetteranno.

Lo stato di salute del sospettato dell’attacco a mano armata avvenuto venerdì nel 10° arrondissement di Parigi “non è compatibile con la misura della custodia cautelare”, ha dichiarato la procura di Parigi a franceinfo sabato 24 dicembre. Il pensionato di 69 anni è stato visitato da un medico nel tardo pomeriggio di oggi.

“L’intervistato è stato portato nell’infermeria psichiatrica della prefettura di polizia”, ha dichiarato il procuratore. Alla luce del rapporto del medico, “la misura di custodia della polizia è stata revocata in attesa di presentarsi davanti a un giudice istruttore quando il suo stato di salute lo consentirà”.

Tre persone sono state uccise nei pressi di un centro culturale curdo in rue d’Enghien, a Parigi, venerdì intorno alle 11.50. Altre tre persone sono rimaste ferite, due delle quali in modo grave. Il sospetto è stato arrestato circa quindici minuti dopo l’incidente. È già noto alla giustizia, in particolare per l’attacco con la sciabola a un campo di migranti nel dicembre 2021 a Parigi. Ha detto di essere “razzista” per giustificare il suo gesto, secondo un rapporto che franceinfo ha potuto consultare.