Febbraio 6, 2023

Siamo soli nell’universo?”: in Australia occidentale iniziano i lavori per il radiotelescopio più potente del mondo

3 min read

La costruzione del più grande osservatorio radioastronomico del mondo, lo Square Kilometre Array, è ufficialmente iniziata in Australia dopo tre decenni di sviluppo.

Grazie a un enorme sforzo intergovernativo, lo SKA è stato salutato come uno dei più grandi progetti scientifici di questo secolo. Permetterà agli scienziati di guardare indietro fino ai primi anni della storia dell’universo, quando si sono formate le prime stelle e galassie. Verrà inoltre utilizzato per studiare l’energia oscura e il motivo per cui l’universo si sta espandendo, e per cercare potenzialmente la vita extraterrestre.

Inizialmente lo SKA comprenderà due array di telescopi, di cui uno nella regione di Wajarri, nella remota Australia occidentale, chiamato SKA-Low, composto da 131.072 antenne simili ad alberi.

SKA-Low è così chiamato per la sua sensibilità ai segnali radio a bassa frequenza. Sarà otto volte più sensibile dei telescopi analoghi esistenti e mapperà il cielo 135 volte più velocemente.

Un secondo array di 197 antenne tradizionali, SKA-Mid, sarà costruito nella regione sudafricana del Karoo.

Il ministro australiano dell’Industria e della Scienza, Ed Husic, e il direttore generale dell’Organizzazione SKA, il Prof. Philip Diamond, dovrebbero celebrare l’inizio della costruzione di SKA-Low in occasione di un evento in loco nel WA lunedì mattina.

La dott.ssa Sarah Pearce, direttrice di SKA-Low, ha dichiarato che l’osservatorio “definirà i prossimi cinquant’anni per la radioastronomia, tracciando la nascita e la morte delle galassie, cercando nuovi tipi di onde gravitazionali ed espandendo i confini di ciò che sappiamo sull’universo”.

Ha aggiunto: “I telescopi SKA saranno abbastanza sensibili da rilevare un radar aeroportuale su un pianeta che gira intorno a una stella a decine di anni luce di distanza, quindi potrebbero anche rispondere alla domanda più grande di tutte: siamo soli nell’universo?”.

Lo SKA è stato descritto dagli scienziati come una svolta epocale e una pietra miliare nella ricerca astronomica.

La professoressa Lisa Harvey-Smith, astronoma dell’Università del Nuovo Galles del Sud, l’ha definito “un giorno epocale per l’astronomia mondiale”, aggiungendo: “Più di mille persone hanno lavorato per 20 anni per rendere questo risultato una realtà – e ognuno si sentirà orgoglioso di questo risultato collettivo oggi”.

Il dottor Danny Price, senior postdoc presso il Curtin Institute of Radio Astronomy, ha dichiarato che la sensibilità dello SKA permetterà agli astronomi di scrutare indietro di miliardi di anni fino all'”alba cosmica”, quando si stavano formando le prime stelle dell’universo.

“Per mettere in prospettiva la sensibilità dello SKA, [potrebbe] rilevare un telefono cellulare nella tasca di un astronauta su Marte, a 225 metri di distanza”, ha detto Price. “Ancora più entusiasmante è il fatto che, se sulle stelle vicine ci sono società intelligenti con una tecnologia simile alla nostra, lo SKA potrebbe rilevare la radiazione aggregata di ‘fuga’ dalle loro reti radio e di telecomunicazione – il primo telescopio abbastanza sensibile da realizzare questa impresa”.

Il Prof. Alan Duffy, direttore dell’Istituto per la tecnologia e l’industria spaziale della Swinburne University of Technology, ha dichiarato che lo SKA sarà probabilmente il più grande telescopio costruito, “collegandosi a tutti i continenti per creare una struttura di portata mondiale che ci permetterà di vedere essenzialmente tutto l’universo osservabile”.

“Gli obiettivi scientifici sono vasti quanto il telescopio stesso, dalla ricerca di pianeti in formazione e di segni di vita aliena, alla mappatura della rete cosmica della materia oscura e della crescita delle galassie all’interno di questi vasti filamenti dell’universo”, ha detto Duffy.

Proprio come nel caso di Hubble, le scoperte più importanti di questi telescopi di nuova generazione riguardano cose del tutto sconosciute alla scienza di oggi”. Gli astronomi di tutto il mondo festeggeranno questo [sviluppo] rivoluzionario per ciò che significherà per gli scienziati nei decenni a venire”.

In Australia, l’Organizzazione SKA collabora con il CSIRO per la costruzione e la gestione dei telescopi.