San Cristoforo, ultimi ritocchi Riapre la chiesa della Certosa - Il Giornale del Restauro e del Recupero dell'Arte
Friends of florence per il pulpito di giovanni pisano
Friends of Florence per il Pulpito di Giovanni Pisano
7 Novembre 2018
Castello Sammezzano, esposto per degrado
Castello Sammezzano, esposto per degrado
10 Dicembre 2018

San Cristoforo, ultimi ritocchi
Riapre la chiesa della Certosa

San Cristoforo, ultimi ritocchi Riapre la chiesa della Certosa

Ultimi ritocchi al cantiere, giusto per poter celebrare ufficialmente fra tre settimane la riapertura della chiesa di San Cristoforo alla Certosa. La struttura muraria è stata sanata, procede il recupero delle opere d’arte

Il 22 dicembre al pomeriggio, dopo oltre due anni di forzata chiusura, preceduti da altri quattro di apertura solo nei week end, il pubblico potrà tornare in questo splendido monumento ispirato da Biagio Rossetti, tra i più significativi della storia di Ferrara.

«Siamo in dirittura d’arrivo – ha dichiarato l’assessore ai Lavori pubblici Aldo Modonesi, di ritorno ieri da un sopralluogo tecnico all’interno della chiesa – il lungo e paziente lavoro di restauro effettuato in questi mesi sta per concludersi. È stato svolto un grande intervento per suturare le ferite inferte dalle scorse del terremoto. Gli interventi hanno riguardato la facciata, parti delle navate, con un lavoro particolare fatto nei soffitti della chiesa con la messa in sicurezza del sottotetto e delle coperture».

Un altro importante tassello nel recupero di beni monumentali lesionati dal sisma è stato fissato. Ora all’interno della chiesa molte opere sono state ristrutturate a cominciare dal ciborio che sovrasta l’altare maggiore e dal prezioso coro ligneo nell’abside.

Il recupero artistico è affidato al laboratorio di restauro Ottorino Nonfarmale S.r.l. La chiesa ha avuto così un altro importante intervento di risanamento dopo quello avvenuto nel dopoguerra per ricostruire San Cristoforo gravemente danneggiato dai bombardamenti.