Piacenza: verso il restauro della chiesa di San Lorenzo - Il Giornale del Restauro e del Recupero dell'Arte
palazzo-medici-riccardi
Palazzo Medici Riccardi: il nuovo percorso archeologico
20 Aprile 2019
Architetto Andrea Bruno nel suo studio, Torino
Il restauro architettonico e la progettazione sui beni culturali secondo l’architetto Andrea Bruno
23 Aprile 2019

Piacenza: verso il restauro della chiesa di San Lorenzo

Piacenza: verso il restauro della chiesa di San Lorenzo
Iniziano i lavori in quello che sarà un auditorium di 500 posti, ma anche spazio per arte, musica, sfilate. L’edificio ha attraversato la storia e conserva ancora alcuni tesori, tra cui un affresco Trecentesco con tre santi: San Lorenzo, Sant’Agostino e Santa Caterina“

Redazione

Uno dei tanti gioielli storici di Piacenza, ‘dimenticati’ nel tempo, tornerà presto a splendere e a far parte del patrimonio cittadino grazie a un importante intervento di recupero e restauro.

Si tratta dell’antica chiesa di San Lorenzo, nel cuore del centro storico piacentino, dove in questi giorni sono stati avviati i lavori: la chiesa, in stile gotico e risalente al XIV secolo, diventerà un importante auditorium da 500 posti, ma anche uno spazio polifunzionale dedicato ad arte, musica e sfilate.

Il prestigioso edificio faceva parte di un convento dei Padri eremitani di Sant’Agostino a cui era stato donato nel 1165, anche se arrivarono a Piacenza nel 1261. Oltre alla chiesa c’era anche il convento, con giardino (di cui è rimasta una piccola porzione dal lato dell’altare).

Tra i tesori ancora custoditi all’interno, fra le navate, spicca un affresco trecentesco con tre santi: San Lorenzo, Sant’Agostino e Santa Caterina. “Secondo uno studioso venuto dal Belgio per esaminare il dipinto – spiega Carlo Loranzi che sovrintende i lavori – questo sarebbe l’unico affresco esistente in Europa che li ritrae insieme”.

Torna così a vivere quella che era una chiesa, in stile gotico con le tipiche volte a crociera, costruita nel 1333 e chiusa nel 1808 dopo la soppressione degli ordini religiosi da parte di Napoleone. Faceva parte di un convento dei padri eremitani di Sant’Agostino. L’investimento previsto si aggira intorno ai 400mila euro e i lavori potrebbero concludersi già entro il 2020. Ad occuparsi di tutto è la società Rest che si è aggiudicata il bando dell’Agenzia del demanio lo scorso settembre.

Fonte : Ansa