Pantheon, alla luce la pavimentazione imperiale della piazza - Il Giornale del Restauro e del Recupero dell'Arte
Giardino Inglese Hackert
La Reggia di Caserta celebra la prima Giornata europea dei Giardini Storici
25 Aprile 2020
Ricostruire un mondo migliore Corso online dall'11 al 20 maggio 2020 con il Premio Nobel Muhammad Yunus
Ricostruire un mondo migliore: la rassegna online con il Premio Nobel Muhammad Yunus
11 Maggio 2020

Pantheon, alla luce la pavimentazione imperiale della piazza

Pantheon, alla luce la pavimentazione imperiale della piazza
Il Pantheon continua a rivelare antiche meraviglie rimaste nascoste: le indagini archeologiche seguite all’apertura di una buca in Piazza della Rotonda hanno riportato alla luce l’antica pavimentazione di epoca imperiale.

Redazione

Le sette lastre di travertino, che si trovano a una quota di circa 2,30 / 2,70 metri sotto il piano stradale con dimensioni di circa 80 per 90 centimetri per uno spessore di 30 centimetri, sono state ritrovate una prima volta negli anni ’90 del secolo scorso in occasione della costruzione di una galleria di sottoservizi, e lo scavo venne rilevato e documentato.

Dopo oltre vent’anni dal loro primo rinvenimento riemergono intatte le lastre della pavimentazione antica della piazza antistante al Pantheon, protette da uno strato di pozzolana fine. Una dimostrazione inequivocabile di quanto sia importante la tutela archeologica, non solo una occasione di conoscenza, ma fondamentale per la conservazione delle testimonianze della nostra storia, un patrimonio inestimabile in particolare in una città come Roma“. -spiega Daniela Porro, Soprintendente Speciale di Roma-

In epoca imperiale la piazza era molto più grande della attuale e si apriva di fronte al Pantheon, il tempio dedicato a tutti gli dei fatto costruire da Agrippa tra il 27 e il 25 avanti Cristo. L’area è stata interamente ristrutturata nel II secolo dopo Cristo dall’imperatore Adriano, e anche la piazza venne rialzata e nuovamente pavimentata. Le quote cui si trovano le lastre, oggi rimesse in luce, appaiono pertinenti alla fase adrianea del complesso.

Il cantiere in un primo momento in capo al I Municipio, consegnato poi ad Acea continuerà nei prossimi giorni per il ripristino idrico e con ulteriori indagini archeologiche della Soprintendenza Speciale di Roma in collaborazione con la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. 

Condividi