Due nuovi focus tematici per le collezioni digitali del portale Storia e Memoria di Bologna - Il Giornale del Restauro e del Recupero dell'Arte
Bologna: Palazzo d’Accursio è ancora più bello, la facciata di Piazza Nettuno dopo il restauro
25 Luglio 2019
Monili Regio V foto Cesare Abbate ANSA
Pompei: Amuleti e pendenti femminili rinvenuti in una cassetta della casa del Giardino
12 Agosto 2019

Due nuovi focus tematici per le collezioni digitali del portale Storia e Memoria di Bologna

Le collezioni digitali del portale www.storiaememoriadibologna.it si ampliano con nuovi focus tematici dedicati al Fondo Belluzzi e alle Cartoline illustrate dal fronte della Grande Guerra. Due importanti fonti rese disponibili in rete per conoscere le vicende di Bologna tra Otto e Novecento e il contesto della Prima Guerra Mondiale.

Redazione

I due nuclei che vanno ad integrarsi ai 7 già online, comprendenti oltre 5.600 immagini, riguardano la Collezione fotografica di Raffaele Belluzzi, protagonista di primo piano nella vita sociale e politica bolognese della seconda metà dell’Ottocento, e le Cartoline dal fronte della Grande Guerra, per un incremento complessivo di 1.687 immagini che contribuiscono, nel primo caso, ad arricchire il grande affresco iconografico sulle vicende di Bologna tra Otto e Novecento, nel secondo, a offrire un’interpretazione più articolata della società italiana del primo Novecento colpita da un conflitto bellico di proporzioni senza precedenti, nella cui eredità storica si fonda la comune identità europea.

Nel documentare tratti per molti aspetti inediti, a volte del tutto ignorati, di una Bologna in piena fase di trasformazione e apertura verso le istanze della modernizzazione post-unitaria, le 436 immagini del fondo Belluzzi costituiscono una fonte di analisi storico-sociale di rilevante interesse per dare volto ai mutamenti del tessuto urbano e sociale della città nella seconda metà del XIX secolo.

Il secondo nucleo, più consistente per numero di immagini, pari a 1.251, si incentra sulle cartoline illustrate relative alla Prima Guerra Mondiale che il Museo civico del Risorgimento di Bologna iniziò a raccogliere fin dagli anni immediatamente successivi alla sua fondazione, sulla base di provenienze diverse.

Con la sua attività di riversamento in formato digitale di parti sempre più consistenti delle sue raccolte, organizzate secondo percorsi tematici, il museo rende disponibile a tutti la consultazione di fonti documentarie e memorialistiche di diversa natura, ancora sconosciute o non sufficientemente studiate, rivolgendosi non solo agli studiosi impegnati nella ricerca storiografica ma anche a un’utenza molto più vasta, e in particolare alle giovani generazioni, per favorire la conoscenza di fatti storici, in una prospettiva prevalentemente locale e regionale, secondo una progettualità in continuo aggiornamento.

Grazie a una convenzione stipulata con l’Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle biblioteche italiane, la collezione fotografica delle Cartoline dal fronte nei prossimi mesi sarà consultabile on line anche sul sito www.14-18.it , il portale web creato dal Ministero per i beni e le attività culturali che intende aggregare un grande archivio di immagini di straordinario interesse storico che consenta la conoscenza e la valorizzazione di collezioni possedute da istituzioni diverse tra cui archivi, musei e biblioteche.

Informazioni: 
Museo civico del Risorgimento 
Piazza Carducci 5 | 40125 Bologna 
tel. + 39 051 347592 / 225583 
museorisorgimento@comune.bologna.it - Visita il sito web
Immagine in apertura: Ing. Diego Mattei
Cotonificio della Società Ligure a Massa Carrara, 1890 ca.