Colosseo, in arrivo il restyling delle aree verdi - Il Giornale del Restauro e del Recupero dell'Arte
Castello Sammezzano, esposto per degrado
Castello Sammezzano, esposto per degrado
10 Dicembre 2018
Monza, recupero Ex Borsa: pubblicato il bando per la progettazione
Monza, recupero Ex Borsa: pubblicato il bando per la progettazione
23 Gennaio 2019

Colosseo, in arrivo il restyling delle aree verdi

Al via gara lavori. Sempreverdi, reperti e illuminazione a terra

Parte da qui il restyling delle aree verdi intorno al monumento simbolo di Roma. Il restyling che avrà un costo di circa 700 mila euro prevede anche un’illuminazione a terra e una disposizione studiata di alcuni reperti già presenti nell’area. Il parterre sarà caratterizzato da ‘sempreverdi’ con un’unica nota di colore, grazie alla presenza di gruppi di rose antiche.

L’obiettivo dei lavori, messi a gara dal Campidoglio per un valore totale stimato di circa 700 mila euro e le cui offerte dovranno arrivare entro fine gennaio, è quello di “valorizzare l’enorme potenziale del sito” migliorandone la “modalità di fruizione, attualmente limitata alla presenza monumentale del Colosseo“.


Nelle relazioni della gara si spiega la ratio dell’ iniziativa: le aree verdi vengono considerate “non solo come ‘coronamento’, ma ‘di completamento’ del sito”, facendo “convergere non solo finalità estetico-ambientali dell’ambito archeologico con l’intorno ma, obiettivi di salvaguardia, decoro e sicurezza di uno dei siti più frequentati al mondo“.

Reperti e illuminazione

Vari reperti archeologici, come “tratti di cornicioni e colonne” che “attualmente sono sparsi senza apparente ordine, verranno risistemati sotto la supervisione di sovrintendenti preposti, presso le zone dove sono posizionate le rose e le altre specie che costituiscono parterres ‘a macchia’. È prevista l’illuminazione a livello del terreno con luce soffusa non invasiva e nascosta dalle specie stesse, per offrire un’immagine notturna molto suggestiva del sito in tutti i suoi elementi finalmente percepiti come un ‘unicum’ con l’Anfiteatro”.