Addio a Ennio Morricone, il grande compositore e musicista premio Oscar - Il Giornale del Restauro e del Recupero dell'Arte
corso di Laurea in Tecnologie Innovative per i Beni Culturali dell’Università di Camerino
Tecnologie Innovative per i Beni Culturali – Unicam
3 Luglio 2020
Artemisia Gentileschi, chi è la pittrice a cui è dedicato il doodle di oggi
Artemisia Gentileschi, chi è la pittrice a cui è dedicato il doodle di oggi
8 Luglio 2020

Addio a Ennio Morricone, il grande compositore e musicista premio Oscar

Addio a Ennio Morricone, il compositore e musicista premio Oscar
È morto nella notte in una clinica romana per le conseguenze di una caduta il premio Oscar  Ennio Morricone, lasciando un’eredità culturale senza precedenti. Autore delle colonne sonore più belle del cinema italiano e mondiale da Per un pugno di dollari Mission  C’era una volta in America da Nuovo cinema Paradiso Malena, il grande musicista e compositore aveva 91 anni.

Redazione

Nato a Roma il 10 novembre del 1928 e scomparso stanotte a Roma ha composto più di 500 melodie, spesso immortali, per il cinema e la televisione, il suo tocco da arrangiatore ha caratterizzato la musica pop italiana degli anni ’60 (tra Edoardo Vianello, Mina e tanti altri), ma la sua vera passione era la musica sinfonica, la sperimentazione e l’innovazione musicale, sulla scia di un maestro come Goffredo Petrassi e delle improvvisazioni del gruppo Nuova Consonanza cui contribuì a dare nuova linfa fin dal 1964.

La sua musica ha da sempre un impatto trasversale che contagia le più diverse generazioni e gli ha assicurato fama oltre il cinema con più di 70 milioni di dischi venduti. Il chitarrista degli U2 The Edge dichiara da sempre di considerarlo il suo musicista di riferimento, gruppi come i Metallica o i Ramones aprono i propri concerti con un omaggio a lui, Quentin Tarantino ha saccheggiato le sue melodie ben due volte (“Kill Bill” e “Bastardi senza gloria“) rendendogli pubblico omaggio fino convincerlo a firmare una colonna sonora originale per “The Hateful 8” con cui il musicista ha vinto il suo primo Oscar dopo ben cinque nomination.

Iniziò a collaborare col regista Sergio Leone, suo compagno di classe alle elementari. Per Leone, Morricone firmò la colonna sonora di Per un pugno di dollari (col quale vinse anche il primo Nastro d’Argento, nel 1965), a cui seguirono tutti gli altri spaghetti-western del regista: Per qualche dollaro in piùIl buono, il brutto, il cattivoC’era una volta il West (vincitore del premio BAFTA nel 1984), Giù la testa.

L’amicizia tra i due non verrà mai meno e scandirà una carriera di successi fino all’ultimo film di Leone “C’era una volta in America” che anche per il musicista rappresenta una delle sfide compositive più complesse e importanti. Nel 2007, sul palco dell’Oscar è stato Clint Eastwood a consegnargli l’ambita statuetta. A gennaio di quest’anno aveva ricevuto in Senato il premio alla carriera dalla presidente Elisabetta Casellati.

 ‘‘Io credo che la prossima stagione sarà bellissima. Ci vedremo nella grande Sala di Santa Cecilia. Ora state a casa”. Aveva detto poi ad aprile nel saluto a pubblico dell’ Accademia Nazionale durante il lockdown in un video pubblicato sul sito dell’ istituzione musicale in occasione del Natale di Roma. 

Condividi