Acqua, ultrasuoni e chimica per testare il balcone di Giulietta - Il Giornale del Restauro e del Recupero dell'Arte
Così ho recuperato un gioiello degli Anni Novanta
31 Luglio 2017
Fascino e mistero, i Giganti rivitalizzano la Sardegna
7 Agosto 2017

Acqua, ultrasuoni e chimica per testare il balcone di Giulietta

di Lorenzo Pedrini

In vista del restauro in autunno gli esperti saggiano la resistenza della struttura. La Tecnored, da anni impegnata nel settore,  ha offerto al Comune di Verona le competenze dei propri specialisti

Eros e Thanatos. L’Amore e la Morte, avviluppati nel loro tragico abbraccio, tessono da sempre il filo dei capolavori della letteratura, e forse della vita stessa. Tra le pene di Didone, la furia di Orlando e il male oscuro di Silvia, però, una sola tormentata passione, da più di quattrocento anni, mette in ombra tutte le altre, da quella che legò Tristano e Isotta a quella, fratricida, tra Paolo e Francesca, fino a al tradimento di Lancillotto e Ginevra, loro sciagurati ispiratori.

La scintilla di cui parliamo scoccò, secondo William Shakespeare, fra Romeo Montecchi e Giulietta Capuleti, in una Verona del ‘200 dilaniata dalle lotte tra consorterie rivali, e il suo sfondo, parte integrante della storia, fu un noto balcone. Delle tante dolci parole che riempiono The Most Excellent and Lamentable Tragedy of Romeo and Juliet, questo il titolo originale, le più indimenticabili, del resto, sono proprio quelle scambiate fra gli amanti dalla finestra di lei, affacciata dal palazzo di via Cappello che, fra fonti certe e tradizioni più labili, è divenuto per tutti la Casa di Giulietta.

IL MONUMENTO PIU’ VISITATO – A fare di questo massiccio edificio medievale situato nei pressi della famosa piazza delle Erbe il monumento più visitato dell’intera città, infatti, è bastata la presenza dello stemma familiare dei Capuleti (anche Cappelletti o Dal Cappello) sull’arco che conduce al cortile, mentre il balcone, di epoca gotica, fu posizionato dove si trova ora solo nei primi anni del Novecento. Nonostante questo, però, il fascino che il luogo ha assunto, intriso di ricordi letterari e di un’atmosfera più che suggestiva, è di portata mondiale, anche grazie al sapiente recupero di un complesso monumentale tanto eterogeneo, pronto ora ad affrontare una nuova prova. In vista del restauro che il prossimo autunno, per la prima volta dopo sette secoli, metterà mano al marmo del balconcino, sono iniziate alcuni giorni fa le prove tecniche di collaudo statico della struttura, che ne verificheranno lo stato di conservazione.

Primi-accertamenti-sulla-stabilità-del-balcone-in-vista-dei-restauri-autunnali

UN INTERVENTO POCO INVASIVO – Ad offrire le competenze dei propri specialisti al Comune di Verona nei 15 giorni dell’intervento vero e proprio, sarà, a titolo completamente gratuito, la società Tecnored, che da anni lavora nel mondo della conservazione e dei restauri. Perché i tempi siano rispettati, intanto, si sono già attivati diversi professionisti, dall’ingegnere strutturista Paolo Bettagno a Marco Zandonà, di Veneta Engineering, e al restauratore Giordano Passarella.

Il primo ha così testato la resistenza del balcone con taniche d’acqua del peso di 800 kg, mentre il secondo ha utilizzato gli ultrasuoni per mapparne la superficie e il terzo ha condotto un’analisi chimica delle pietre che lo compongono.

“Esso funge da simbolo di un affetto divenuto immortale grazie al genio di Shakespeare, e del sentimento amoroso in generale. – Dice Margherita Bolla, direttrice dei  Musei d’Arte del Comune di Verona. – Siamo molto grati alla Tecnored che si è resa disponibile gratuitamente alla globalità dell’intervento che prevede un’indagine statica ed un accuratissimo restauro, con analisi dei materiali e studio delle più moderne tecniche non invasive di conservazione.

Responsabile della Tecnored il dottor Paolo Mariani: “Verona non solo è il mito mondiale dell’amore  ma la sede della nostra società ed è anche la mia città, che amo in ogni suo aspetto. – Spiega Mariani.  – E’ un dono impegnativo che facciamo volentieri, un contributo al suo mito che concreteremo in autunno quando l’afflusso dei visitatori sarà più contenuto, cosa difficile peraltro, visto che, dal 2015, sono cresciute di 20 mila unità solo i visitatori che sono salite ai quattro piani della casa dell’eroina e, naturalmente, si sono affacciate al celeberrimo verone di Giulietta. Evidentemente in tempi di crisi mondiale l’amore resta un sogno universale ed  un mito concreto, scespiriano appunto”.

Condividi